Home > Blog > La spia della temperatura dell’acqua: cos’è e cosa fare se si accende

La spia della temperatura dell’acqua: cos’è e cosa fare se si accende

Auto

Spia temperatura acqua accesa

28/07/2020

La spia di temperatura dell’acqua, anche conosciuta come spia del liquido di raffreddamento, è una delle icone luminose più importanti all’interno del cruscotto, insieme a quella di avaria del motore. Normalmente si innesta a ogni accensione della tua auto per poi spegnersi pochi istanti dopo, ma può capitare che rimanga accesa o che la “barchetta” si accenda mentre sei al volante. Cosa significa questa luce di allarme? Cosa fare in questa circostanza?

Vediamolo insieme passo per passo.

La spia temperatura dell’acqua: forma, colore, significato

La spia della temperatura dell’acqua può segnalare diverse problematiche, alcune temporanee, altre che potrebbero indicare un guasto importante nell’impianto di raffreddamento. Il suo significato va, innanzitutto, conosciuto per affrontare la situazione che ne consegue nel modo più adeguato e, soprattutto, tempestivo, per non rischiare di danneggiare il motore.

La spia in questione è rappresentata da un termometro circondato da due file di onde a rappresentazione dell’acqua (o meglio, del liquido refrigerante). La spia è di colore rosso proprio perché può segnalare problemi anche gravi legati alla temperatura del liquido di raffreddamento e di conseguenza alla temperatura del motore.

Il liquido refrigerante: che cos’è e come funziona

Il liquido di raffreddamento svolge, in realtà, più compiti di quanto racconti il suo nome. Certamente, la sua funzione più conosciuta è quella di raffreddare il motore evitando che la temperatura salga oltre i 100°C; ma serve anche per evitare il congelamento: il liquido refrigerante rimane liquido fino a -40°C e per questo riesce ad abbassare il punto di congelamento del motore in media intorno ai -20°C. Un tempo questo liquido era costituito semplicemente da acqua, ma è stato soppiantato da miscele più specifiche, per salvaguardare i motori di nuova generazione. La miscela più comune è costituita da acqua e glicole etilenico in rapporto 1:1. Si potrebbe dire quindi che il liquido di raffreddamento abbia il compito di mantenere la corretta temperatura del motore, sia in casi di eccessi di calore che di gelo.

Detto questo: la spia potrebbe accendersi quando il liquido non riesce a svolgere il suo compito, e anche la sua temperatura salirà in modo eccessivo, oltrepassando i confini della finestra ideale di 80°- 90° e in casi limite, raggiungendo l’ebollizione a 130°.

Vediamo le principali cause di accensione.

Perché si accende la spia di temperatura dell’acqua?

I motivi per cui la spia potrebbe accendersi sono numerosi e nessuno va sottovalutato: ignorare la spia di temperatura dell’acqua può portare a gravi danni al motore.

Le cause più comuni: l’affaticamento dell’auto

Esistono motivi comuni che comportano il surriscaldamento del liquido refrigerante e che causano l’accensione della spia temperatura acqua, ricollegabili all’affaticamento del veicolo. Pensiamo per esempio a lunghe soste con il motore acceso, o alle colonne di traffico che ti tengono imbottigliato per ore costringendoti a giocare con le marce più basse, oppure ancora una lunga e ripida salita: tutte circostanze in cui il motore va sotto sforzo e tende a surriscaldarsi, e così anche il liquido di raffreddamento. Se a queste si uniscono le alte temperature della stagione estiva e il carico dell’auto, la spia con tutta probabilità non mancherà di illuminarsi.

Un altro caso possibile, ma non grave, in cui può accendersi la spia è il livello troppo basso di liquido refrigerante. Per prevenire questa evenienza, è opportuno, circa una volta al mese, fare un controllo del livello del liquido.

H3 Le cause più serie: danni meccanici

Purtroppo questa spia può portare anche cattive notizie, per cui non sarà sufficiente un tuo intervento. Pensiamo a una perdita nel circuito di raffreddamento oppure a un danno a una delle sue componenti, come il radiatore o la pompa dell’acqua, oppure ancora una guarnizione di gomma seccata o rovinata.

Vediamo quindi cosa fare quando si accende la spia a seconda del tipo di problema.

Cosa fare con spia accesa o lampeggiante

La spia accesa non va mai ignorata, ripetiamolo ancora. Cosa fare quando si accende? Che sia fissa o lampeggiante, se la spia è illuminata, è il caso innanzitutto di fermare l’auto e spegnere il motore. Un breve periodo di attesa molte volte risolve il problema, perché dà il tempo al liquido di tornare a una temperatura nella norma. Se stai sostenendo un lungo viaggio a pieno carico, e non puoi fermarti tempestivamente, ti consigliamo di spegnere l’aria condizionata e di evitare bruschi cambi di velocità, in modo da ridurre le sollecitazioni a carico del motore.

In generale, quindi, se si tratta di affaticamento del veicolo, il riposo dovrebbe prevenire la riaccensione della spia. Se invece non sei fortunato e la spia si ripresenta, la prima alternativa a cui pensare è che non ci sia abbastanza liquido refrigerante. Solo a motore freddo procedi quindi a verificarne il livello e a rabboccarlo. Se ti capita mentre sei in viaggio, puoi riempire la vaschetta con acqua, meglio se distillata: questo escamotage ti consentirà di arrivare in sicurezza al primo distributore di benzina disponibile per acquistare la miscela più adatta.

Nel caso la spia si ripresenti ancora, e sia accompagnata da fuoriuscite di vapore dal cofano, i problemi sono seri e fuori dalla portata di un intervento immediato, legati con tutta probabilità a un danno meccanico al circuito di raffreddamento. In questi casi ti consigliamo di recarti in officina e rivolgerti al tuo meccanico di fiducia per risolvere il problema.

Share This