Home > Blog > Monopattino elettrico: normative per circolare in strada

Monopattino elettrico: normative per circolare in strada

Moto

Monopattino elettrico: normative per circolare in strada

16/02/2022

Il monopattino elettrico è un vero e proprio mezzo di trasporto a propulsione elettrica che consente di percorrere brevi e medie distanze in modo agile e sostenibile. Proprio per queste sue caratteristiche si sta diffondendo sempre di più nei circuiti cittadini e rappresenta un passo in avanti verso la svolta green al centro del dibattito politico internazionale ed elemento chiave all’interno dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile dell’ONU.

La scelta di guidare un monopattino elettrico sta diventando quindi una valida alternativa a mezzi di trasporto più tradizionali e meno ecologici; tuttavia, nonostante la velocità contenuta, la circolazione su strada di un monopattino non è priva di rischi e pericoli.

Per questo motivo si è resa necessaria l’introduzione di norme che mirano alla regolamentazione della circolazione dei monopattini elettrici. Vediamo nel dettaglio quali sono le regole che ne disciplinano la guida su strada.

Il monopattino elettrico: le caratteristiche obbligatorie per la micromobilità urbana

Partiamo da un insieme di caratteristiche che il monopattino deve possedere per essere definito tale e per poter circolare su strada.

Per definizione il monopattino elettrico è un acceleratore di andatura composto da:

  • Una pedana poggia piedi
  • Due ruote collegate all’estremità della pedana
  • Attacco verticale a “T
  • Manubrio con acceleratore e freno

Oltre a queste peculiarità strutturali, i monopattini elettrici devono rispondere a determinate caratteristiche. Essi devono prevedere:

  • Un motore elettrico di potenza nominale non superiore a 500 Watt (0,50 kW)
  • Assenza di posti a sedere per una postura “in piedi”
  • Campanello per le segnalazioni acustiche
  • Marcatura “CE” prevista dalla direttiva 2006/42/CE. Questo documento può essere richiesto dalla Polizia Stradale in caso di dubbi sulla conformità del mezzo
  • Luci bianche o gialle anteriori e luci rosse e catadiottri posteriori per consentire una segnalazione luminosa da mezz’ora dopo il tramonto. In mancanza di questi elementi, il monopattino dovrà essere trasportato a mano
  • Limitatore di velocità a 20 km/h (non più 25 km/h come diceva la precedente normativa) in strada e di massimo 6 km/h nelle aree pedonali

Infine, la legge sui monopattini elettrici prevede un limite di circolazione solo su strade urbane con velocità massima non superiore a 50 km/h.

La normativa stradale del monopattino elettrico

Le regole sui monopattini elettrici, così come introdotte all’articolo 75 della legge n.160/2019 e poi modificate dal decreto Milleproroghe 2020, avevano fissato le caratteristiche del mezzo, facendolo rientrare nella categoria dei velocipedi. Per dirla più semplicemente, questo mezzo era accomunabile più a una bicicletta che a un motorino. Questa direttiva comportava però una serie di problematiche relative alla circolazione, in quanto i monopattini elettrici non erano soggetti a:

  • Omologazione
  • Approvazioni
  • Immatricolazione
  • Targatura
  • Copertura assicurativa

In questi ultimi anni il Bonus Mobilità ha incentivato l’acquisto di monopattini elettrici grazie a un credito di imposta fino a 750 euro per mezzi di trasporto green, tra cui appunto il monopattino. Questo ne ha aumentato fortemente la diffusione, comportando la necessità di una normativa ad hoc capace di disciplinare il flusso dei monopattini elettrici che coinvolge molte città nazionali e internazionali.

Il monopattino elettrico: le novità normative 2021

Un primo passo verso una regolamentazione più precisa sui monopattini elettrici è stato introdotto con il decreto infrastrutture DL 121/2021, convertito nella Legge 9 novembre 2021 n.1256, che non risolve tutte le questioni aperte, ma porta alcune novità:

  • Riduzione del limite massimo di velocità: da 25 km/h passa a 20 km/h su strada, mentre resta confermato il limite di 6km/h nelle aree pedonali
  • Divieto di sosta sui marciapiedi: la violazione di questa norma prevede una sanzione pecuniaria da un minimo di 42 euro a un massimo di 168 euro, secondo l’articolo 158 del codice stradale
  • Obbligo di frecce e stop per i nuovi monopattini a partire dal 1° luglio 2022. Quelli già in circolazione dovranno essere adeguati entro il 1° gennaio 2024

Inoltre, secondo la nuova normativa sui monopattini elettrici, verrà applicata la confisca del mezzo nei seguenti casi:

  • Mancanza di luci, frecce e/o stop
  • Monopattino “truccato”, ossia nel caso in cui viene alterato il motore per aumentarne la velocità
  • Monopattino modificato nella struttura, come nel posizionamento per un posto a sedere

Per quanto riguarda le sanzioni, le nuove regole prevedono l’applicazione del Codice della Strada. Secondo quanto previsto dal titolo VI del Cds, l’importo della sanzione può essere scontato del 30% se pagata entro 5 giorni e sarà invece raddoppiato se effettuato dopo 60 giorni.

Chi può guidare il monopattino elettrico: regolamentazione per i conducenti

In base alla normativa del 202 non vi sono attualmente vincoli legati a titoli abilitativi, semplicemente è necessario rispettare un limite di età: la guida è ammessa anche ai minorenni, purché abbiano almeno 14 anni.

Non solo, la legge elenca una serie di comportamenti che il conducente del monopattino elettrico deve mantenere durante la corsa:

  • Procedere su una fila unica, mai affiancato a un altro o a più monopattini
  • Avere libero uso di entrambe le mani che dovranno reggere saldamente il manubrio, a eccezione di quando deve essere segnalata una manovra di svolta. È quindi severamente vietato guidare con le mani impegnate
  • Avere piena visuale per guidare il monopattino elettrico in modo regolare
  • Indossare il giubbotto catarifrangente o le bretelle retroriflettenti ad alta visibilità, a partire da mezz’ora dopo il tramonto

Inoltre, è vietato trasportare oggetti, persone, animali, trainare o farsi trainare da un altro veicolo.

Uso del casco sui monopattini elettrici: è obbligatorio?

In merito all’obbligatorietà del casco in caso di guida di monopattino elettrico, la legge si sta adeguando alla maggiore presenza di questi mezzi sulle strade. Infatti, a causa dei frequenti incidenti e infortuni che hanno visto coinvolti i monopattini elettrici, si è ritenuto urgente rivedere alcune norme e adeguare la guida del mezzo a una circolazione urbana più sicura.

Al momento l’uso del casco è normato della legge 160/2019 (articolo 1 c.75): se alla guida del veicolo c’è un minorenne è obbligatorio indossare un casco di protezione idoneo, secondo quanto stabilito nella Circolare del 9 marzo 2020 della Polizia Stradale.

È anche possibile utilizzare caschi provvisti di un’omologazione di qualsiasi tipo, sia essa per ambiti sportivi sia per la strada, come i caschi moto.

I monopattini elettrici devono essere assicurati?

Per quanto riguarda il tema “assicurazione monopattino”, esistono ancora dei vuoti legislativi, nonostante le nuove regole per i monopattini elettrici. Per questo alcune regioni e comuni stanno provando a muoversi in autonomia, introducendo nuovi obblighi: per esempio, a Firenze, l’uso del casco è obbligatorio a prescindere dall’età e in Lombardia si sta valutando l’obbligo di assicurazione e patentino.

Infatti, i monopattini elettrici, proprio perché considerati velocipedi, non richiedono alcuna assicurazione obbligatoria, bollo o tassa di circolazione. Tuttavia, è sempre possibile e anche consigliabile assicurare il proprio monopattino contro eventuali furti, atti vandalici e danni a terzi. Contattaci per avere un preventivo.

Share This