Home > Blog > Come e quando si accendono le luci della macchina?

Come e quando si accendono le luci della macchina?

Auto

Come e quando si accendono le luci della macchina

26/07/2022

Le luci della macchina vengono spesso poco considerate ma risultano importanti per la guida e svolgono diverse funzioni di supporto per il conducente. Alcune luci si accendono automaticamente, con la messa in moto del veicolo, altre vanno attivate manualmente.
Vediamo insieme quando accendere le luci dell’auto, quali sono obbligatorie e che tipo di segnale inviano agli altri conducenti che incrociamo per strada.

Quali sono le luci della macchina?

Le luci dell’auto sono installate secondo criteri specifici, sia per agevolare la visuale del conducente che per segnalare la presenza della vettura a chiunque incrociamo durante la marcia. L’attivazione di alcuni dispositivi luminosi è divenuta obbligatoria anche di giorno, secondo quanto stabilito dal Codice della Strada (Art. 152 e 153).

Avere la migliore visibilità possibile, durante la guida, è un aspetto imprescindibile per evitare eventuali ostacoli, individuare le altre auto, i pedoni e i segnali stradali. Per questo motivo le luci della macchina possono essere considerate dei veri e propri dispositivi di sicurezza e devono essere installate e revisionate su tutti i veicoli.

Nel dettaglio, le luci si distinguono in:

  • luci di posizione;
  • abbaglianti;
  • anabbaglianti;
  • luci della targa;
  • luci di arresto;
  • luci di retromarcia;
  • luci di emergenza;
  • indicatori di direzione;
  • luci posteriori antinebbia;
  • fendinebbia anteriori.

Data la loro importanza, questi dispositivi devono essere sempre ben funzionanti. Pertanto, ogni automobilista è tenuto a controllare regolarmente che tutte le luci siano efficienti. È consigliato avere sempre a bordo un kit di lampadine di scorta per procedere alla loro tempestiva sostituzione in caso di malfunzionamento. In caso di inadeguatezza delle luci e di uso non conforme delle stesse, il Codice della Strada prevede l’applicazione di sanzioni amministrative nonché la decurtazione di punti dalla patente.

Luci della macchina e quando accenderle

Ogni luce ha una funzione differente e va accesa in momenti precisi.

Le luci di posizione non illuminano direttamente la strada ma servono a segnalare la presenza del nostro veicolo, sia anteriormente che posteriormente.

I fari abbaglianti hanno la funzione di illuminare la strada in condizioni di scarsa visibilità. L’uso di questi dispositivi è consentito solo fuori città ed è obbligatorio disattivarli quando si incrocia un veicolo che procede in senso inverso; in caso contrario, possono essere decurtati alcuni punti dalla patente (Art. 153 del Codice della Strada).
I fari anabbaglianti si possono invece utilizzare continuativamente, hanno la funzione di illuminare la strada senza arrecare fastidio agli altri automobilisti. Questi dispositivi devono essere tenuti accesi anche durante il giorno in autostrada e nelle aree urbane. In caso di nebbia, è consigliabile accendere anche i cosiddetti fendinebbia, che migliorano di molto le condizioni di visibilità.

Luci di emergenza dell’auto: quando si usano?

Di grande importanza, per la sicurezza stradale, sono le luci di emergenza e gli indicatori di direzione.
Le prime servono a segnalare situazioni di pericolo, ostacoli improvvisi o soste di emergenza, mentre gli indicatori, detti anche “frecce”, devono essere sempre avviati quando ci si accinge a effettuare una svolta, a cambiare corsia o a effettuare un sorpasso.
Un utilizzo ottimale dei dispositivi luminosi è indispensabile per prevenire gli incidenti stradali. In ogni caso, l’Assicurazione auto Verti ti fornisce tutta l’assistenza necessaria per tutelarti dai rischi connessi alla guida. Visita il sito per saperne di più.

Share This