Home > Blog > Come cambiare l’olio motore e ogni quanto farlo?

Come cambiare l’olio motore e ogni quanto farlo?

Auto

Come cambiare l’olio motore e ogni quanto farlo

03/08/2022

Una delle operazioni più importanti della manutenzione ordinaria della propria auto è rappresentata dal cambio olio del motore. Si tratta di un passaggio fondamentale per garantire la corretta lubrificazione delle componenti e, di conseguenza, la “buona salute” del veicolo stesso.
In questo articolo, tutti i dettagli da sapere su questo intervento. Prosegui con la lettura!

Perché è importante far cambiare l’olio motore?

Come accennato nell’introduzione, il cambio dell’olio alla macchina rientra tra gli interventi di manutenzione ordinaria ed è una delle operazioni più rilevanti da effettuare per garantire che il veicolo funzioni correttamente. La funzione dell’olio all’interno dei veicoli consiste nell’andare a lubrificare le diverse parti meccaniche del motore, evitando così surriscaldamenti e danneggiamenti vari derivanti dall’attrito tra le stesse.
Inoltre, l’olio è in grado di assorbire le impurità che si formano durante l’uso del veicolo e protegge, quindi, il motore dai danni causati dall’accumulo di sostanze di scarto.

Tuttavia, con l’avanzare dei chilometri, l’olio perde la sua capacità protettiva diventando sempre più scuro. Se non si procede al suo ricambio dopo i tempi previsti, questo assume una consistenza gelatinosa detta “morchia”, la quale va ad ostruire i condotti del motore, compromettendone il funzionamento e arrecando danno all’intera autovettura.

Ogni quanti chilometri (KM) cambiare l’olio motore?

Quanto si tratta di definire ogni quanti Km cambiare l’olio del motore, non c’è una regola valida per tutti. Sostanzialmente, la frequenza con cui effettuare le sostituzioni dipende dal tipo di veicolo, dal modello, dal tipo di olio usato, dalle modalità di utilizzo, ecc. Nelle vetture nuove o di ultima generazione, è presente un’apposita spia o, comunque, un’indicazione digitale, che riguarda il livello e la qualità dell’olio presente nel motore. Andando così a fare da sorta di promemoria sul momento della sua sostituzione.

In linea di massima, si consiglia di effettuare il cambio olio motore ogni 2 anni, ma tale intervento va gestito soprattutto in base ai chilometri che vengono effettivamente percorsi. Di base, sono le stesse case produttrici a indicare ogni quanto procedere con il cambio e quale olio utilizzare. Queste informazioni sono indicate nel libretto di manutenzione e uso del veicolo.
Di seguito, ecco riportate le soglie chilometriche medie per il cambio dell’olio:

  • Per i motori a benzina: ogni 15.000 Km;
  • per i motori diesel: ogni 25.000/30.000 Km;
  • per i veicoli datati o con molti Km percorsi: ogni 10.000 Km;
  • per i veicoli usati poco: ogni anno.

Come cambiare l’olio del motore?

Il cambio dell’olio motore non è un’operazione particolarmente complessa, ma è consigliato affidarsi comunque a un’officina oppure a un distributore di carburante, poiché occorre utilizzare dell’attrezzatura adeguata.

Innanzitutto, occorre distinguere tra il rabbocco e il cambio totale. Il primo deve essere effettuato se, dopo aver controllato il livello con l’apposita asticella, ci si accorge che la quantità di lubrificante è scesa al di sotto dei 3/4. In questo caso, basta integrare l’olio mancante, rabboccandolo nella sezione apposita e si tratta di un’operazione da poter svolgere anche autonomamente a casa.

Il cambio totale, invece, prevede la sostituzione totale dell’olio, che nel frattempo ha esaurito la sua capacità protettiva del motore, e del filtro olio. La procedura prevede che si riscaldi brevemente il motore e che poi si fermi il veicolo con il freno a mano inserito. Dopo di che, viene sollevato su un apposito carrello elevatore così da permettere all’addetto di procedere al “lavoro sporco”, svuotando la coppa dell’olio, sostituendo il filtro e versando l’olio nuovo.
Il lubrificante vecchio andrà poi smaltito secondo quanto stabilito dalla legge, poiché si tratta di una sostanza altamente inquinante.

Dal cambio olio all’assicurazione: l’importanza di circolare in sicurezza

Essere a bordo di una macchina alla quale viene garantita una manutenzione ordinaria regolare e completa garantisce una vita più duratura della stessa e un certo grado di sicurezza sulla strada. Tuttavia, non basta avere un veicolo performante per evitare di incorrere in spiacevoli soprese, anche di tipo burocratico; è necessario, infatti, dotarsi di una copertura assicurativa adeguata, che copra tutti eventuali avvenimenti che potrebbero intervenire durante la circolazione sia nelle aree urbane che extraurbane. Al riguardo, dai un’occhiata all’Assicurazione auto Verti per saperne di più!

Share This