Bonus or malus the question is cos'è la classe di merito

C’è chi le chiama “pagellino” dell’automobilista, c’è chi ne fa un punto d’onore “sono anni che sono in prima classe”, c’è chi ci ricama la battuta “a furia di dare bonus finiamo malus”...

Bonus or malus the question is cos'è la classe di merito

... ma di fatto cosa s’intende quando si parla di bonus malus?

Mettiti comodo: #telodiceverti

Bibbidi Bobbidi Bu: ecco la formula bonus malus

La forma bonus malus poco c’azzecca col mago Merlino e con la maga Smemorina: di fatto è una formula tariffaria basata sul merito. In sostanza le compagnie di assicurazione applicano un sistema premiante progressivo attraverso il quale, anno dopo anno, viene stabilito il costo della responsabilità civile. Intendiamoci: la classe di merito è solo uno dei parametri tariffari presi come riferimento, ma indubbiamente è quello che sulla carta definisce se sei un buon guidatore.

Attualmente è una delle forme contrattuali maggiormente stipulate in Italia, ne esistono altre, ma per non confonderti ne parleremo in un’altra occasione.

Se sei un buon guidatore... ti tirano giù la classe 

Cominciamo col dire che le classi bonus malus, dette anche di merito, sono 18. Se volessimo fare un parallelo scolastico: 18esima classe uguale primo banco davanti alla maestra, classe 1 secchione. 

E ora vediamo la meccanica del sistema di tariffazione.

La classe di merito è legata al comportamento dell’automobilista e varia di anno in anno, fino al raggiungemento della prima classe. Quando parliamo di comportamento non intendiamo che l’automobilista apra la portiera alle signore, ma facciamo specifico riferimento agli eventuali incidenti commessi.

Per farla semplice: per ogni anno senza incidente (in assicuratese “sinistro”, che diciamo rende bene l’idea ) si scala di una classe (da qui bonus), viceversa, in caso di sinistri con colpa, si aumentano le classi (da qui malus) secondo la famigerata formula 3n – 1. Dopo te la spieghiamo, tranquillo!

Innanzitutto è importante sottolineare il concetto di incidente “con colpa”. In caso di sinistro, infatti, deve essere accertata la responsabilità. In tal senso ci troviamo di fronte a due scenari: 

responsabilità maggiore del sinistro (oltre il 50%) 

concorso di colpa (responsabilita paritaria al 50% o inferiore al 50%). 

Solo in caso di responsabilità maggiore vengono attribuite le penalizzazioni legate al sistema di bonus malus. La responsabilità viene definita dalla dinamica dell’incidente attraverso la raccolta delle testimonianze, in primis la compilazione da parte delle parti in causa del CID, e dalla perizia dei periti.

Se E=mc2 ti sembra difficile beccati 3n -1

E ora veniamo alla formula 3n – 1, dove “n” sta per il numero di sinistri. Per semplificare te la spieghiamo con qualche esempio:

• se nell’anno hai causato un incidente con colpa, al rinnovo della tua assicurazione ti verranno attribuite due classi di malus secondo il calcolo 3n-1 dove “n” è uguale a 1 (incidente), quindi se sei in classe 1 ti verrà rilasciato un attestato di rischio in classe 3.  

• se nell’anno hai causato due incidenti con colpa, ti verranno assegnate 5 classi di malus così come previsto dalla formula “3x(n)2-1.

Insomma: più incidenti fai nell’anno, maggiormente verrai penalizzato. Sì, lo sappiamo la formula è un po’ complessa, tant’è: per scongiurare questi calcoli astrusi è sufficiente che tu stia attento alla guida. Il meccanismo, infatti, tende a incentivare una guida consapevole e, di fatto, rappresenta un deterrente per comportamenti scorretti alla guida.

Fin qui tutto ok, potremmo metterci anche un carico da 90 spiegandoti cos’è la bonus malus agevolata, ma siamo buoni. Ti lasciamo il tempo per metabolizzare questo articolo e ci vediamo prossimamente per affrontare anche questo tema. Stay tuned!