Guidare l'auto in gravidanza

Sei in attesa di un bambino? Congratulazioni, si tratta di un momento magico e irripetibile… ogni singola volta.

Guidare l'auto in gravidanza

Ma non siamo qui per tediarti con i mille consigli che sicuramente starai ricevendo da mamme, suocere, zie, cugine, amiche di vecchia data, persone in fila alla cassa del supermercato e vicine di casa invadenti. Sappiamo che probabilmente ne hai già pieni i calzini.

Vogliamo solo pensare a te, al tuo benessere e a quello del piccolo che sta crescendo dentro di te, quindi consentici qualche consiglio utile e di buon senso da mettere in pratica quando guidi in gravidanza.

Si può guidare in gravidanza?

Certo che si può guidare in gravidanza. Non esiste alcun vincolo normativo che limiti la possibilità per le donne di guidare in gravidanza, salvo indicazioni mediche rilasciate dal ginecologo che sconsiglino l’uso dell’auto per motivi di salute.

Utilizzo della cintura di sicurezza

Sfatiamo anche un falso mito: le cinture di sicurezza vanno utilizzate anche durante i mesi di gravidanza. Il modo più sicuro di viaggiare è sempre quello di rimanere ben ancorati all’auto. Vanno chiaramente prese alcune precauzioni per evitare che la tensione della cinghia possa infastidire. Per avere la massima sicurezza, e il minimo disagio, il consiglio è quello di indossare le cinture in questo modo:

• fascia orizzontale della cintura sotto il pancione

• fascia trasversale della cintura a lato della pancia in mezzo al seno

• la fascia non deve essere troppo allentata, diversamente diventa pressoché inutile

Discorso analogo per quanto riguarda gli airbag: non vanno disattivati in quanto verrebbe meno la loro funzione di attutire l’impatto durante un incidente.

Solo in particolari situazioni la normativa prevede l’esonero dall’utilizzo delle cinture per le future mamme, così come previsto dall’articolo 172 del Codice della Strada. Tali condizioni devono essere certificate dal ginecologo curante.

Quando usare più cautele alla guida

Fatte queste dovute premesse è altrettanto vero che non vi è un obbligo a guidare a tutti i costi. I primi mesi di gravidanza, in particolare, sono per certi versi i più difficili in quanto potresti avere a che fare con sintomi assolutamente normali, come stanchezza, nausea, vertigini, che però potrebbero rivelarsi potenzialmente pericolosi quando sei alla guida dell’auto. In caso di viaggi lunghi, quindi, privilegia una sosta in più e, se sei accompagnata, alternatevi alla guida.

Se sei passeggera

Nel caso non guidassi tu, privilegia i sedili posteriori e ovviamente allaccia le cinture di sicurezza. Nel caso preferisca viaggiare sul sedile anteriore, modula al meglio la seduta, in modo da essere comoda e non costretta.

A proposito di comodità quando si guida in gravidanza

Il tuo corpo si sta modificando e chi lo sa meglio di te, quindi evita abiti troppo stretti che potrebbero vincolarti nell’effettuare determinate manovre, come per esempio un parcheggio, e opta sempre per scarpe comode. Il tuo fisico ti ringrazierà.

Un ultimo consiglio, il più importante: per qualunque dubbio e sensazione strada consulta il tuo ginecologo.

Per il resto, se hai del tempo che ti avanza, allenati col punto croce, ti tornerà utile!