Cosa fare quando si eredita un veicolo

Ci sono situazioni drammatiche in cui le parole servono a poco, una tra tutte è la perdita di un familiare. Oltre al dolore e al vuoto emotivo, spesso si è costretti a “disbrigare” tutta una serie di pratiche burocratiche che, se da un lato agiscono da “anestetizzante” del dolore, dall’altro rappresentano un motivo di stress.

Cosa fare quando si eredita un veicolo

Ci sono situazioni drammatiche in cui le parole servono a poco, una tra tutte è la perdita di un familiare. Oltre al dolore e al vuoto emotivo, spesso si è costretti a “disbrigare” tutta una serie di pratiche burocratiche che, se da un lato agiscono da “anestetizzante” del dolore, dall’altro rappresentano un motivo di stress. Un esempio è l’eredità di un veicolo. Cosa fare? A chi rivolgersi? Quanto costa? Ecco una guida pratica che, auspichiamo, possa rispondere alle vostre domande.

Cosa fare?

La prima cosa da fare in caso di eredità del veicolo è effettuare il passaggio di proprietà. A tal fine è necessario avere con sé il certificato di proprietà intestato alla persona deceduta e la carta di circolazione del veicolo. Qualora ci fossero più eredi è consigliabile intestare il veicolo a una sola persona, in quanto più conveniente e più semplice per l’assicurazione, che identifica il rischio su un unico proprietario. La polizza assicurativa, infatti, verrà chiusa. Per poter circolare con la vettura sarà necessario acquistare una nuova assicurazione con i dati del nuovo proprietario.

A chi rivolgersi?

Per ereditare un veicolo è necessario compilare l’accettazione di eredità che dovrà essere trascritta entro 60 giorni al Pubblico Registro Automobilistico (PRA). Si tratta di una dichiarazione in cui si attesta l’accettazione dell’eredità da parte dei soggetti ereditari; in caso di più eredi e di rinuncia da parte di alcuni di questi dell’eredità, l’accettazione dovrà essere corredata anche dall’atto di rinuncia dell’eredità. L’autentica di firma dell’accettazione può essere effettuata direttamente al PRA, a uno sportello ACI o presso un’agenzia di pratiche auto.

Una volta registrato l’atto verrà rilasciato il certificato di proprietà digitale con i dati del nuovo proprietario e si dovrà quindi procedere all’aggiornamento della carta di circolazione all’Ufficio provinciale della Motorizzazione Civile.

Quanto costa?

I costi della pratica di successione, per gestire l’eredità del veicolo,  variano a seconda del soggetto a cui vi rivolgerete. In generale, i costi fissi sono: l’imposta provinciale di trascrizione, il cui importo varia a seconda del tipo di veicolo e della provincia di residenza, gli emolumenti ACI, che ammontano a 27 euro e l’imposta di bollo per registrazione al PRA di 48 euro.